Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Lavora con noi Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni comunali 2013Sochi 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte Oroscopo
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
mDYBmUdcbRY
Eureka | Spaziotempo -  26 giu 2010 08:01

Su Marte acqua liquida ovunque

Nel passato, ovviamente. E forse anche la vita?

Su Marte c’è acqua. Tante grazie, lo sapevamo già: l’acqua su Marte è un tormentone proposto dalla NASA ogni 3 per 2, con una speciale predilezione per i periodi in cui l’agenzia spaziale statunitense ha bisogno di chiedere soldi al governo (sarà un caso?). Quindi non è una novità: l’acqua c’è. Ma si trova sotto forma di ghiaccio. Interessante, mica lo si vuole negare, ma un po’… beh, come dire?… inutile. Ai fini della vita, beninteso, ché ovviamente lo scopo nemmeno troppo nascosto dei “marziologi” è soprattutto quello di scovare qualche prova dell’esistenza della vita sul pianeta, se non ora almeno nel passato. Però, ora o nel passato, per la vita l’acqua serve allo stato liquido. E siamo certi che non ci sia, ma sospettiamo che ci fosse. Dove? Ovunque, ci dicono adesso due sonde orbitanti intorno al Pianeta Rosso.
La superficie di Marte si presenta in maniera chiaramente differenziata: grandi regioni montagnose e ricche di crateri nell’emisfero australe e immense pianure scarsamente craterizzate in quello boreale. Perché? L’ipotesi degli scienziati è l’urto di un corpo (un grosso corpo) con il pianeta. Tanto violento da produrre quello che oggi possiamo considerare il più grande cratere da impatto di tutto il sistema solare: la grande pianura settentrionale, appunto. I due emisferi si distinguono anche per un altro aspetto: a sud ci fu acqua allo stato liquido, mentre al nord… chissà? Finora non se n’era trovata traccia. Finora.
Le prove dell’esistenza di acqua liquida sono molteplici. Per esempio le strutture interpretabili come letti di antichi fiumi. Oppure rocce e sedimenti, come le argille, considerati indizi molto forti della presenza di mari, laghi, stagni o almeno grosse pozzanghere. Grazie alle osservazioni spettrometriche dall’orbita, queste argille sono state trovate in centinaia di zone dell’emisfero australe, dove il materiale vicino alla superficie risale a 4 miliardi di anni fa. Nel nord invece niente. Strano. Tanto più che la grande pianura viene considerata da alcuni planetologi un potenziale fondale di un antico oceano.
Tuttavia sull’ultimo numero di “Science” è comparso un articolo nel quale un gruppo di ricercatori francesi e statunitensi riferisce i risultati ricavati dalle misure spettrometriche della Mars Express, dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), e del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), della NASA. Ed ecco qua: argille anche nel nord, in corrispondenza di crateri da impatto. Ovvio: l’urto ha perforato lo strato superficiale e ha messo a nudo l’argilla sottostante. Il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) a bordo del MRO ha esplorato dall’orbita 91 crateri boreali, rivelando in almeno 9 di essi argille o idrati silicati che si formano in ambienti umidi sulla superficie o nel sottosuolo. A conferma di precedenti misure dello spettrometro OMEGA della Mars Express, che però aveva scoperto solo depositi argillosi molto più piccoli. “Avevamo bisogno delle risoluzione spaziale migliore possibile”, ha dichiarato John Carter, dell’Università di Parigi, che è uno degli autori dell’articolo su “Science”. “I due strumenti hanno caratteristiche differenti e per noi è stato un grande vantaggio poterli usare entrambi”.
Adesso abbiamo un tassello in più nel puzzle misterioso del passato di Marte: un nuovo indizio della presenza di acqua liquida si è aggiunto alla mole di informazioni già in nostro possesso. “Possiamo affermare che il pianeta fu modificato su scala globale dall’acqua liquida 4 miliardi di anni fa”, conclude Carter. Ma l’acqua non è la vita. E’ indispensabile alla vita, ma non è la vita. Prima di avere una prova di quest’ultima, se mai ci fu, dovrà scorrere sotto i ponti (terrestri, com’è ovvio) ancora parecchia… acqua.

26.06.2010 - 08:01
Marco Cagnotti
È la prima volta e potrebbe segnale l'inizio della cosiddetta "clonazione terapeutica"
ROMA - Per la prima volta, con la clonazione - lo stesso metodo usato per la famosa pecora Dolly - sono state create... Leggi
La sonda ha compiuto il suo dovere, studiando per sette mesi l'atmosfera del satellite
ROMA - Si è conclusa con l'impatto sulla superficie lunare la missione Ladee (Lunar Atmosphere and Dust Environment... Leggi
La Nasa ha annunciato di aver trovato un nuovo corpo celeste, chiamato Kepler-186f
NEW YORK - La Nasa ha annunciato oggi la scoperta di un pianeta abitabile in orbita attorno a una stella nana a... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 18 aprile 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Chiasso | Conferenze
Di generazione in generazione
Incontri-conversazioni con i genitori. Ciclo "Parole per dire".
Sede Croce Rossa Svizzera (Corso San Gottarado) | 14.30
Locarno | Jazz Rock Pop
Joe Colombo feat. Kasia Skoczek
Blues.
Casa del Negromante | 19.00
Luogo