Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015Expo 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
O8N26edbqLM
Eureka | News -  16 ott 2010 09:44

Strana distribuzione di numeri

La legge di Benford è bizzarra a misteriosa

La profondità dei terremoti. La luminosità dei lampi gamma provenienti dalle profondità dell'universo. La velocità di rotazione delle pulsar. E in soprannumero aggiungiamo anche l'incidenza delle malattie infettive. Domanda: che cos'hanno in comune fenomeni geologici, astrofisici ed epidemiologici? Risposta: la legge di Benford. Che è assolutamente controintuitiva ma non per questo meno vera.
Mettiamola così: nei valori numerici delle misure sperimentali raccolte nello studio di tutti questi fenomeni, quale sarà la distribuzione delle cifre da 1 a 10 nella prima posizione? Verrebbe da rispondere: sarà una distribuzione uniforme. Perché il 6 dovrebbe comparire con maggiore frequenza del 2? O viceversa? Per quale motivo Madre Natura dovrebbe preferire le cifre più piccole o più grandi? E invece...
...invece no. Invece va proprio così: le cifre più piccole sono privilegiate. Studiando i valori numerici delle misure sperimentali in discipline lontanissime, si trova che l'1 compare come prima cifra quasi in un terzo dei casi, mentre le cifre successive diventano sempre meno frequenti e addirittura il 9 si trova solo nel 4,6 per cento dei dati. Scoperta nel 1938 dal fisico Frank Benford, la legge è verificata nei settori più disparati, dalle superfici dei laghi fino alle statistiche del baseball. Non solo: gode pure dell'invarianza di scala. In sostanza, anche se si cambiano le unità di misura, continua a valere.
La legge di Benford trova ora un'ulteriore conferma in un articolo in corso di pubblicazione su "Geophysical Research Letters" e firmato da Malcolm Sambridge, dell'Università di Canberra, in Australia, e dai suoi collaboratori. Gli esempi sono proprio quelli citati: dalla sismologia con lo studio della profondità di 250 mila terremoti avvenuti fra il 1989 e il 2009, all'astrofisica con la brillantezza dei lampi gamma registrati dall'Osservatorio orbitante Fermi, fino all'epidemiologia con i dati del 2007 comunicati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Stupefacente. E inutile. O no?
Già, perché questa legge sorprende ma a che cosa mai potrebbe servire? Eppure, come spesso accade, l'utilità della matematica si annida dove meno ce la aspetteremmo. Consideriamo il caso dei terremoti: i ricercatori hanno studiato un sisma avvenuto in Cile nel 2004 e, grazie alla legge di Benford e al confronto con le osservazioni sismografiche a Canberra, hanno scoperto un terremoto più debole e quasi contemporaneo in Australia. Oppure prendiamo la sicurezza dei dati e delle informazioni. In un insieme numerico, se la legge di Benford non viene rispettata allora significa che probabilmente quei dati sono stati contraffatti, manomessi, magari perfino falsificati. Forse non scopriremo da chi, ma almeno sapremo che non ci si può fidare. Eppure...
...eppure anche la legge di Benford non funziona proprio sempre. Sambridge e i suoi colleghi hanno cercato di verificarla anche con le masse di 400 pianeti extrasolari. Niente da fare: non funziona. Anzi, c'è un eccesso anomalo della cifra 6. Sarà a causa del campione troppo modesto? Oppure delle tecniche di rilevamento? O magari è proprio la legge che fa cilecca?

16.10.2010 - 09:44
Marco Cagnotti
Uno studio dell'università di Zurigo rivela la ragione per cui molte persone si struggono in dilemmi
ZURIGO - Scoperta la ragione per cui molte persone si struggono in dilemmi e non sanno prendere decisioni. Alla... Leggi
Grazie alla mappatura del Dna si è potuto risalire alle origini dei lieviti oggi più usati al mondo
ROMA - Ricostruita l'evoluzione della birra. Le tecniche più avanzate di mappatura del Dna hanno permesso di risalire... Leggi
Secondo uno studioso ci sarebbero le prove che la regina sia sepolta nella celebre tomba nella Valle dei Re
LONDRA - Un archeologo britannico ritiene di avere trovato la chiave per svelare uno dei maggiori enigmi dell'epoca... Leggi
Messo a punto dall'università americana di Harvard è a base di silicone e potrebbe rappresentare una rivoluzione per protesi più 'realistiche'
NEW YORK - Somiglia alle decorazioni natalizie oppure a mini spazzolini per le bottiglie, il primo materiale che... Leggi
Una classe di farmaci ha allungato la sopravvivenza delle cavie fino all'80% - Lo studio è stato coordinato dell'università di Zurigo
ROMA - Per la prima volta una classe di farmaci si è rivelata efficace contro il morbo della mucca pazza, anche... Leggi
Catturata in uno spettacolare filmato la faccia sconosciuta della Luna illuminata completamente dal Sole - GUARDA IL VIDEO
NEW YORK - La Luna mostra la sua faccia "segreta" mentre danza attorno al disco azzurro della Terra: è l'immagine... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 28 agosto 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
San Pietro di Stabio | Serate danzanti
Maurizio & Friends
Musica e ballo. "Festa dal pariöö".
Parco ex Asilo | 21.00
Soazza | Jazz Rock Pop
Jazz nelle nostre piazze
Con Sandro Schneebeli, chitarra; Gabriele Pezzoli, tastiera; Simon Quinn, contrabbasso; Brian Quinn, batteria.
Ala Capèle | 20.30
Luogo